Cerca
Close this search box.

Notizie

INDAGINE CULTURA luglio 2020

Impatto dell’emergenza sulle imprese culturali di Roma, presentato oggi il rapporto di ricerca


Stamattina, in videoconferenza stampa, Confcommercio Roma ha presentato il Rapporto di ricerca: “L’impatto dell’emergenza sulle imprese culturali a Roma | LUGLIO 2020”


All’incontro di presentazione sono intervenuti Pier Andrea Chevallard, Commissario Confcommercio Roma, Valerio Toniolo, Presidente del Coordinamento delle Imprese Culturali di Confcommercio Roma e Pierluigi Ascani, Presidente di Format Research, Istituto di Ricerca specializzato nelle indagini sulle imprese.

“Il settore cinema e teatri viene sottovalutato. Non e’ sufficientemente preso in considerazione il rischio della città in termini di impoverimento culturale. Considerare l’offerta di teatri e cinema come uno dei tanti
componenti dell’offerta commerciale è un errore drammatico che la politica sta facendo”
– ha affermato Pier Andrea Chevallard“In assenza di interventi organici e sistematici si rischia che alcuni dei luoghi più importanti per la socialità e la crescita del territorio si inaridiscano. Ci vuole pochissimo a chiudere dei teatri e dei cinema, ma riaprirli è un’operazione titanica. Amministrazione comunale e regionale non possono sottrarsi: è un obiettivo prioritario per il territorio. Andare al cinema e a teatro significa uscire, andare a cena, frequentare ristoranti e negozi – ha aggiunto Chevallard – Questa città non si può permettere cittadini chiusi in casa, perché si impoverirà. Il senso di questa indagine, che ripeteremo in autunno, è sollecitare una continua attenzione rispetto a un settore strategico che trascende le dimensioni quantitative”

“Siamo ancora in fase 1 e se continua così anche a ottobre saremo sempre in fase 1” – ha commentato Valerio Toniolo – “Abbiamo spesso sollecitato l’Assessore Luca Bergamo a interventi strutturali: Romarama non è una risposta alla crisi, Romarama è la fine del sogno di Nicolini, che oggi sarebbe stato attuale dopo lockdown. Ma non è vero che Roma Capitale non può far nulla per sostenere i privati. Le risposte non possono non arrivare nell’immediatezza, non possiamo aspettare ottobre-novembre. Pretendiamo una risposta“.


SINTESI DEI DATI EMERSI

Di seguito, una sintesi dei i principali risultati che emergono dal primo wave della ricerca “Indagine sull’impatto dell’emergenza economica sulle imprese culturali a Roma, le nuove modalità di fruizione dei luoghi della cultura”, realizzata da Confcommercio Roma in collaborazione con Format Research.


La ricerca è stata articolata su due indagini:

  • un’indagine rivolta ad un campione statisticamente rappresentativo delle imprese culturali (esclusivamente cinema e teatri) che insistono nella provincia di Roma;
  • un’indagine rivolta ai consumatori che risiedono in provincia di Roma, di età superiore ai 18 anni, che prima del COVID-19 avevano l’abitudine, sia pure con livelli di frequenza diversi di andare al cinema o a teatro.

Durissimo l’impatto del lockdown sulle imprese culturali che temono che la situazione sia destinata a peggiorare negli ultimi mesi dell’anno. Crollo degli introiti di cinema e teatri, che in molti casi hanno visto azzerare le proprie entrate.

Oltre il 90% dei cinema e dei teatri a Roma segnala una riduzione, quando non un azzeramento, dei ricavi nei primi sei mesi del 2020. Oltre il 91% dei cinema della provincia di Roma e oltre il 95% dei teatri sono in difficoltà nel riuscire a far fronte al proprio fabbisogno finanziario. Pochissimi i cinema che sono riusciti ad aprire e oltre il 70% è in difficoltà a causa dei pesanti costi derivanti dall’applicazione dei nuovi protocolli di sicurezza.


Bassissima l’affluenza attesa in autunno dai cinema: oltre il 68% si aspetta un numero minimo di spettatori. Oltre l’80% dei teatri avranno enorme difficoltà a riaprire ad ottobre a causa degli ingenti costi e saranno fortemente penalizzati dal limite massimo di spettatori e dal distanziamento. Il 75% dei cittadini romani nell’estate del 2020 andranno meno al cinema o non ci andranno affatto.

Nel 2020 si corre il rischio che l’indotto delle imprese culturali (bar, ristoranti, negozi, operatori della mobilità) perda oltre il 50% dei ricavi legati al consumo di spettacoli cinematografici.


Situazione difficile anche per i teatri: questo autunno il 49,7% dei consumatori andrà meno al teatro o non ci andrà affatto, e tale fatto potrebbe comportare una perdita di oltre il 60% dei ricavi legati al consumo di rappresentazioni teatrali (cene, shopping, taxi).


PER CONSULTARE IL RAPPORTO DI RICERCA CLICCA SUL BANNER:

INDAGINE CULTURA luglio 2020
.

Potresti essere interessato anche a...