Cerca
Close this search box.

Notizie

FIPE CONFCOMMERCIO ROMA: “STOP ALLA SOMMINISTRAZIONE E ALLA VENDITA DI PRODOTTI DI PROVENIENZA RUSSA”

In segno di solidarietà verso l’Ucraina e in spregio a tutte le guerre, gli esercenti romani si apprestano a mettere al bando tutti i prodotti importati dalla Russia. Iniziando dalla somministrazione di cibo e bevande.

A portare avanti questa campagna è il leader della Fipe-Confcommercio capitolina, la prima sigla del comparto, Sergio Paolantoni:

«Domani chiederò prima al consiglio romano della Fipe e poi a quello di Confcommercio che tutti i nostri iscritti sospendessero, oltre alla somministrazione, la vendita di tutti i prodotti di provenienza russa. Alcuni di noi già lo hanno fatto singolarmente, sarebbe un gesto importante che tutti seguissero questa strada»

Da questa mattina, nei suoi locali, Paolantoni smetterà di servire cocktail a base di vodka e tartine al caviale all’aperitivo:

«Per quest’iniziativa ho preso spunto dalla notizia che la ditta Bernabei, uno dei più grandi distributori di spiriti in città, aveva deciso di non vendere più in questo periodo alcool dalla Russia. È una scelta importante, anche perché la vodka rappresenta uno dei prodotti più venduti in questo campo. E se l’ha fatto lui, perché non possiamo farlo anche noi?».

Secondo il leader della Fipe:

«potrà sembrare un gesto piccolo, non in grado di cambiare gli eventi, ma è un segnale che dobbiamo dare sia per dimostrare la nostra vicinanza al popolo ucraino sia per ricordare che la guerra porta solo morte e povertà».

Sempre Confcommercio ha anche iniziato tra i suoi iscritti una raccolta di fondi per aiutare la popolazione ucraine.

A Roma sono ancora pochi i locali che hanno messo al bando Caipiroska e Moscow mule, ma in alcuni bar dietro piazza Navona, del Pigneto o di Monti i barman preferiscono usare per questi cocktail vodka polacca. Così il caso più eclatante di boicottaggio è quello della ditta Bernabei, uno dei principali distributori di alcool a livello italiano e non solo romano.

«Ho due figli più grandi, una di 22 mesi e mia moglie è incinta. Quando vedo certe scene della guerra in Ucraina mi si rivoltano le budella», spiega Paolo Bernabei, uno dei titolari e direttore marketing dell’impresa. Sulle vetrine dei tre negozi romani è stato affisso un cartello, che recita: «Condanniamo inequivocabilmente l’azione militare in Ucraina e comunichiamo di aver rimosso con effetto immediato la vendita di tutti gli alcolici di fabbricazione russa».

Di più è stata anche coperta l’insegna luminosa, voluta dal fondatore negli anni Sessanta, con il nome della Stolichnaya, una delle migliori al mondo.

«Per noi la vodka russa vale un giro d’affari di quasi 600mila euro all’anno. Ma di fronte a certe cose non ci sono soldi che tengano. Qualcuno dei nostri clienti si è lamentato, ma non ci interessa affatto. Per la verità, neanche se venisse Putin cambieremo idea. Anzi, vorrei che anche i produttori di birra e di pasta boicottassero luppolo e grano russo. Io sono pronto a chiamare l’ambasciata russa e offrire le mie conoscenze per aiutare l’Ucraina a lanciare un brand loro di vodka».

Potresti essere interessato anche a...