Cerca
Close this search box.

Notizie

CORONAVIRUS. FIPE ROMA: RIAPERTURE SIANO PIÙ FACILI DOVE EPIDEMIA PIÙ MODESTA

L’AGENZIA DIRE INTERVISTA LUCIANO SBRAGA, DIRETTORE DI FIPE ROMA, GUARDA IL VIDEO >>


DIR3371 3 ECO 0 RR1 N/POL / DIR MVD/TXT
CORONAVIRUS. FIPE ROMA: RIAPERTURE SIANO PIÙ FACILI DOVE EPIDEMIA PIU’ MODESTA /VIDEO
(DIRE) Roma, 6 apr.

“La situazione di Roma e del Lazio non e’
certo quella che si sta vivendo nelle zone dove e’ presente un
maggiore focolaio di coronavirus, non sono io a dirlo, ma c’e’ un
dato oggettivo. Noi ci auguriamo che ci sia una riapertura delle
attivita’ ovunque, seppur con le necessarie cautele e con i
necessari provvedimenti di carattere sanitario, ma e’ evidente
che ci sono realta’ completamente diverse, e dunque pensiamo che
possa essere anche utile lanciare una possibilita’ di apertura
piu’ facile dove l’intensita’ dell’epidemia e’ piu’ modesta.
Sicuramente sappiamo che c’e’ un problema di vasi comunicanti, ma
sappiamo anche che c’e’ una gestione molto attenta degli
spostamenti”. A dirlo e’ Luciano Sbraga, direttore della Fipe
Roma, intervistato dall’agenzia di stampa Dire.
Del resto, per quanto riguarda le riaperture di bar,
ristoranti e locali “la sensazione non e’ positiva- spiega
Sbraga- perche’ sappiamo che questo lockdown probabilmente andra’
oltre la scadenza del 13 aprile e con tutta probabilita’ potremmo
arrivare a superare anche il ponte del 25 aprile e forse anche
quello del primo maggio. Vuol dire che se tutto va bene noi
saremo stati due mesi chiusi, un danno enorme dal punto di vista
economico, ma anche psicologico per le imprese. È evidente che
questa e’ una situazione molto pesante, ci rendiamo conto che
c’e’ un’emergenza sanitaria, sappiamo tutti che la salute va
messa al primo posto, ma bisogna anche fare le cose con
l’equilibrio necessario. Ci sono realta’ complicate, come quelle
del nord Italia, e altre in cui l’epidemia ha un’aggressivita’
sicuramente non di quell’intensita’. Bisogna gestire le cose con
il massimo dell’equilibrio. Perche’ nel frattempo le spese
corrono, tra affitti, utenze e tributi locali su cui non c’e’
nessun intervento. A fronte di ricavi zero”.
(Dip/ Dire)
19:06 06-04-20

Potresti essere interessato anche a...